In principio fu il bla bla bla.

Maruzza Musumeci: quando Camilleri incontra Omero

Maruzza Musumeci: quando Camilleri incontra Omero

Anche la Sicilia antica e contadina, quella delle persone semplici, quella dei “cunti” antichi, può diventare teatro di una favola.

E succede nel breve ma straordinario romanzo di Andrea Camilleri Maruzza Musumeci, nel quale Vigàta incontra (simbolicamente) Itaca, così che il racconto popolare incontra il mito letterario, quello omerico per la precisione.

In lingua “cammilleresca” (un siciliano scorrevolissimo e incredibilmente comprensibile a tutti – pure a quelli del continente), il Maestro narra le avventure di Gnazio, un uomo normale, “travagghiatore” e radicato alla terra, che vivrà un’avventura leggendaria: passionale come le onde del mare, misteriosa come le profondità dell’abisso.

Maruzza Musumeci, di cui non voglio svelare altro, è una bellissima “storia morale”, una lettura allo stesso tempo leggera ed emozionante, drammatica e spaventosa, ironica e commovente.

Potete acquistarlo qui:

«Bisogna chiudere gli occhi “pi vidiri le cose fatate”, quelle che normalmente, con gli occhi aperti, non è possibile vedere»

«Ma n’autra vota, mentri sinni stava ‘n vrazzo a sò matre che taliava (guardava) il mari dal balcuni, la picciliddra disse: « Θάλασσα! Θάλασσα! » (Il mare! Il mare!

 

Titolo: Maruzza Musumeci, Autore: Andrea Camilleri, Editore: Sellerio, Anno: 2007.

 

di Francesco Giamblanco

 

POTETE SUPPORTARE SE QUESTO È UN BLOG

utilizzando il pulsante delle DONAZIONI presente in pagina,

oppure effettuando i vostri acquisti su Amazon.it utilizzando 

questo link:https://amzn.to/2lWP1cg. GRAZIE.

 

LEGGI ANCHE:

Italiani che odiano le donne

Nessuno ha chiesto la vostra opinione

È tutta colpa dei migranti

Nobel per la Letteratura: chi sono gli italiani che lo hanno vinto?

Le 15 poesie più belle di tutti i tempi

 

 

Condividi

Comments

comments



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


error: Se vuoi condividere i contenuti usa i tasti di condivisione o scrivici a info@sequestoèunblog.it