In principio fu il bla bla bla.

A proposito di “razza”, vi svelo un segreto incredibile

A proposito di “razza”, vi svelo un segreto incredibile

Ho una proposta da fare a tutti quelli che state leggendo questo breve articolo: fate il test del DNA. Costa un po’ ma ne varrà la pena.

Perché? Beh, perché dopo averlo fatto ci penserete dieci volte prima di parlare di “razze” e di migrazioni anomale e preoccupanti, prima di temere chi arriva da un altro Paese, rima di chiudere un altro porto, prima di inveire contro un ragazzo senegalese che ha vinto un concorso di bellezza italiano, prima di opporvi allo ius soli, prima di costruire un altro muro, prima di urlare “Prima gli italiani!

Sicuramente quando aprirete la busta contenente il risultato del test, avrete dinnanzi a voi una realtà incredibilmente nuova e scoprirete una storia straordinaria.

Una storia tanto inaspettata, quanto vecchia di 20.000 anni. Sì, avete letto bene, 20+3 zeri.

Ad esempio, il candidato alla regione Lombardia, il leghista Fontana, potrebbe venire a conoscenza delle migrazioni che hanno interessato i suoi antenati. Alcuni di loro, magari, potrebbero essere nati in Nord Africa e i loro discendenti potrebbero essersi spostati nella Turchia Orientale; ed è da lì che si sarebbero poi avventurati verso l’Europa.

Gli antenati di Salvini, invece, potrebbero essere nati nell’Africa centrale, da lì essersi diretti verso l’Asia orientale e, quando i livelli del mare scesero di oltre 300 piedi a causa dell’ultimo massimo glaciale, un ponte di terra creatosi tra Asia e Americhe gli avrebbe permesso di “invadere” le nuove terre.

Vedete quanto è affascinante questa storia? Eppure è così ovvia. Dovrebbe essere inserita sulle nostre carte di identità, sui nostri passaporti. Alla voce “nazionalità”, infatti, sarebbe corretto scrivere: Pianeta Terra.

E se per caso doveste obiettare “Sì, ma noi siamo nati in Italia!”, allora fareste riferimento allo ius soli: italiano perché nato in Italia; e ciò, per correttezza, dovrebbe valere per tutti. E se qualcuno dovesse appellarsi allo ius sanguinis, torneremmo immediatamente al ragionamento precedente. Il DNA parla chiaro, non si è soltanto italiani: si è anche turchi, marocchini, greci, nigeriani, russi, inglesi.

Che siano benedette le migrazioni, tutte, quelle che furono e quelle che saranno; perché senza di esse ci saremmo estinti da molto tempo o ci estingueremmo molto presto.

E per preservare la nostra specie (non la razza, la specie), quella umana con la U maiuscola, esiste un segreto infallibile: la conoscenza.

 

 

(per approfondire l’argomento, naviga sulla  Mappa delle Migrazioni Umane del National Geographic)

di Virginia Avveduto

 

POTETE SUPPORTARE SE QUESTO È UN BLOG

utilizzando il pulsante delle DONAZIONI presente in pagina,

oppure effettuando i vostri acquisti su Amazon.it utilizzando 

questo link:https://amzn.to/2lWP1cg. GRAZIE.

 

Leggi anche:

Le 20 domande a cui Salvini non risponderà mai

Noi migranti italiani facciamo così

Italiani che odiano le donne

Nessuno ha chiesto la vostra opinione

È tutta colpa dei migranti

 

 

 

Virginia Avveduto

Condividi

Comments

comments



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


error: Se vuoi condividere i contenuti usa i tasti di condivisione o scrivici a info@sequestoèunblog.it