In principio fu il bla bla bla.

La lettera di Salvini a Babbo Natale

La lettera di Salvini a Babbo Natale

“Caro Babbo Natale,


da quando sono diventato premier, ops, volevo dire ministro dell’interno, ho così tanto potere (ti ricordo che oltre 90 milioni di italiani stanno dalla mia parte) che tu dovresti scrivere una lettera a me (per ringraziarmi e complimentarti). Ma siccome sono una persona umile, faccio un’eccezione.

Non ho molto da chiederti in realtà, xché gran parte dei miei desideri me li sono già realizzati da solo, con la collaborazione dei miei due piccoli elfi di fiducia: un certo Giggino e un certo Giuseppino.

Mi sono comprato la ruspa nuova. Ho abolito l’immigrazione clandestina, la povertà e la criminalità organizzata. Ho sguinzagliato ronde di fierissimi italiani che un giorno sì e l’altro pure picchiano un rom o insultano uno straniero sul bus. Ho creato un piccolo esercito di sindaci capaci di multare i senzatetto delle loro città e di lasciare a digiuno i bambini extracomunitari nelle scuole di loro competenza.

Xché a Natale siamo tutti più buoni, ma solo con gli italiani. D’altronde, proprio quel tizio del presepe a cui io tengo così tanto, quello che in questi giorni festeggia il compleanno, per capirci, una volta ha detto: “Ama il prossimo tuo come te stesso”. E per “prossimo” sono sicuro che intendesse un vicino di casa, un concittadino, un connazionale; di certo non qualcuno che arriva da molto lontano, da uno di quei posti in cui le bombe piovono come stelle comete.

Ho diffuso così tanta paura da far ritrovare al mio Paese il coraggio di ergersi sovrano; ho seminato così tanto odio da far nascere dentro ogni italiano un amore smisurato per me.

Ho realizzato tantissimo. E presto potrò fare molto di più, tenetevi pronti.

Solo una cosa non sono capace di fare, anzi due. Così tu potrai essermi d’aiuto.

Non sono in grado di mangiare senza ingrassare, di questo passo rischio di non entrare più nell’inquadratura dei selfie; fa’ qualcosa!
Non so stirare: trovami una fidanzata!

Tutto qua, niente di impossibile per uno che ha il potere di passare da un camino a bordo di una renna volante, introducendosi di notte in casa altrui, senza rischiare di essere ammazzato per legittima difesa.

In attesa di un tuo magico riscontro,
invio cordiali BACIONI!

Il tuo capitano.”

(di Francesco Giamblanco)


POTETE SUPPORTARE SE QUESTO È UN BLOG

utilizzando il pulsante delle DONAZIONI presente in pagina,
oppure effettuando i vostri acquisti su Amazon.it utilizzando 
questo link: https://amzn.to/2lWP1cg. GRAZIE.

LEGGI ANCHE:

Il mio augurio è che tu possa… http://www.xn--sequestounblog-2jb.it/blog/il-mio-augurio-e-che-tu-possa/

Open borders – Senza confini: il video http://www.xn--sequestounblog-2jb.it/blog/open-borders-senza-confini-il-video/

Odio il Capodanno – di Antonio Gramsci http://www.xn--sequestounblog-2jb.it/blog/odio-capodanno-antonio-gramsci/

Caro Babbo Natale, ecco di 10 regali che non desidero http://www.xn--sequestounblog-2jb.it/blog/caro-babbo-natale-10-regali-non-desidero/

Condividi

Comments

comments



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


error: Se vuoi condividere i contenuti usa i tasti di condivisione o scrivici a info@sequestoèunblog.it