In principio fu il bla bla bla.

Tag: Salvini

2018, ecco com’è andata

2018, ecco com’è andata

Mi trovo sul ciglio del ponte Morandi, finalmente posso godermi l’Eclissi lunare più lunga del secolo, dicono che la luna si tingerà di rosso. Accanto ad essa si può ammirare anche Marte, che stasera sembra più grande del solito. Da un sacchettino bio da 2 […]

Condividi
La lettera di Salvini a Babbo Natale

La lettera di Salvini a Babbo Natale

“Caro Babbo Natale, da quando sono diventato premier, ops, volevo dire ministro dell’interno, ho così tanto potere (ti ricordo che oltre 90 milioni di italiani stanno dalla mia parte) che tu dovresti scrivere una lettera a me (per ringraziarmi e complimentarti). Ma siccome sono una […]

Condividi
Open borders – Senza confini: il video

Open borders – Senza confini: il video

Nell’epoca delle destre populiste, della paura, dei terrorismi, dei razzismi, dei muri, della chiusura dei confini e delle frontiere, abbiamo sentito il bisogno di montare queste immagini come inno al coraggio e all’integrazione. Questi sono i nostri auguri, per un 2019 dove “Europa, Integrazione, Coraggio, […]

Condividi
Come ci siamo ritrovati in un Paese fascista, sottovalutando tutto

Come ci siamo ritrovati in un Paese fascista, sottovalutando tutto

Quando, sottovalutando quelle piccole nuvole grigie sparse come macchie di leopardo, nel cielo luminoso, ci siamo trovati travolti da un violento temporale. Quelle volte che abbiamo sottovalutato la pece nera che sporcava le nostre mani e i nostri piedi dopo un bagno al mare, e […]

Condividi
Dal treno alla spiaggia: se il potere premia l’illegalità

Dal treno alla spiaggia: se il potere premia l’illegalità

La capotreno di Trenord che durante la tratta Milano-Mantova ha annunciato dall’altoparlante del treno “Molestatori e zingari siete pregati di scendere, avete rotto i coglioni”, è stata difesa a spada tratta dal Ministro dell’Interno Salvini e dal suo accanito esercito di follower; addirittura il leader […]

Condividi
Italiani a caccia di stranieri: lo s-fascio della democrazia

Italiani a caccia di stranieri: lo s-fascio della democrazia

Le notizie si moltiplicano, giorno dopo giorno: “aggredito”, “ferito”, “sparato”, “pestato”, “ucciso”, a suon di “negro!”, “zingaro!”, “marocchino!”, seguiti da un generico “di merda!”. Lo straniero è ufficialmente diventato il nemico numero uno: chi arriva da un altro Paese, professa un’altra religione, parla un’altra lingua, […]

Condividi

error: Se vuoi condividere i contenuti usa i tasti di condivisione o scrivici a info@sequestoèunblog.it