In principio fu il bla bla bla.

Overdose di notizie, gogne pubbliche e teorie complottiste: che fare?

Overdose di notizie, gogne pubbliche e teorie complottiste: che fare?

È giusto e sacrosanto informare e informarsi. Tuttavia, fare la gara a chi sa più cose su un fatto o su un altro, ancor prima che “gli addetti ai lavori” abbiano le idee un po’ più chiare, è deleterio per tutti e per la nostra salute mentale.

Tradotto: Se continuiamo a fare processi nei giornali e nei social, accusando medico x per negligenza o tizio y per attentato alla sicurezza pubblica, senza avere le competenze e la giusta visione per trarne una valutazione accurata, facciamo del male a noi stessi e agli altri.

Se pretendiamo di trovare delle risposte a dei quesiti al momento irrisolvibili, rischiamo di finire intrappolati nei meandri della nostra mente.

Se diamo adito a ogni parola, video, immagine in circolo nei nostri pc o telefoni, rischiamo di riempire il nostro tempo di tossine, le quali non fanno altro che distrarci dalle cose per cui vale davvero la pena porre la nostra attenzione.

 

Dunque:

Un conto è informarsi o approfondire un argomento che appassiona (provocando anche dibattiti sui social o tra amici), un altro è immergersi nell’overdose quotidiana di notizie, opinioni e ricerche traboccanti da ogni sito o pagina social esistenti.

Un conto è valutare un fatto sulla base di prove, dati e proprie competenze; un altro è sentenziare dal proprio divano di casa, dopo qualche bicchiere di vino e dopo aver sentito il parere di Tizio che ha parlato con Caio il quale a sua volta parlò con Sempronio che al mercato mio padre comprò.

Un conto è provare a risolvere un problema di nostra portata e di cui abbiamo il controllo, un altro è tentare di salvare l’intera popolazione mondiale postando un link dove si consiglia di curare ogni cosa con il limone.

Sarebbe utile approfittare di questo periodo per fermarsi davvero.

1 – Prima di lanciare un’opinione su qualcosa, fermiamoci e chiediamoci cosa sappiamo e su quali basi abbiamo fondato quell’opinione.

2 – Dopo aver letto una serie di notizie su un argomento, fermiamoci prima che diventi ossessione.

3 – Invece di voler risolvere ogni cosa fuori dal nostro controllo, fermiamoci e dedichiamoci a ciò che possiamo davvero cambiare e migliorare.

 

di Virginia Avveduto  

 

 

POTETE SOSTENERE SE QUESTO È UN BLOG

utilizzando il pulsante delle DONAZIONI presente in pagina,

oppure effettuando i vostri acquisti su Amazon.it utilizzando 

questo link: https://amzn.to/2lWP1cg. GRAZIE.  

 

LEGGI ANCHE:

No, non siamo tutti uguali di fronte al Coronavirus

Dal Vangelo secondo Matteo: il cammino verso la santità di Capitan Salvini

Perché i giovani non “figliano” più come una volta

Bugie, tradimenti e dietrofront: il M5s in 10 punti

Il re è nudo! Compriamo dei vestiti a Salvini

Tutto quello che detesto di voi che mi chiamate “buonista”

Le 20 domande a cui Salvini non risponderà mai

Noi migranti italiani facciamo così

Italiani che odiano le donne

Nessuno ha chiesto la vostra opinione

È tutta colpa dei migranti

Condividi

Comments

comments



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


error: Se vuoi condividere i contenuti usa i tasti di condivisione o scrivici a info@sequestoèunblog.it