Puoi avere il colera, la tubercolosi o la caviglia slogata, per lei le cause saranno sempre le stesse: “Mangi sempre schifezze, vai a letto troppo tardi, e non indossi la maglia della salute!”

Puoi indossare tutta la collezione di Armani primavera-estate 2017, per lei sarai comunque un trasandato.

Puoi fare una passeggiata sotto casa, per lei la raccomandazione sarà sempre “STAI ATTENTO”.

Puoi essere un maniaco dell’ordine e della pulizia tanto da farle concorrenza, ma per lei “la tua stanza sarà sempre un CAMPO DI BATTAGLIA”.

Puoi fare interventi a cuore aperto, risolvere i conflitti del Medio Oriente, salvare 4500 persone in mare o trovare la cura al cancro, per lei sarai comunque il solito nullafacente.

Puoi pesare quanto Adinolfi, per lei sarai sempre sciupato.

Puoi essere a Chicago ma quando lei sentirà la sirena di un’ambulanza, ti chiamerà all’istante, pur trovandosi a Civitavecchia.

Puoi essere single, e ti chiederà quando diventerà nonna; puoi essere fidanzato, e ti chiederà quando diventerà nonna; puoi essere sposato, e ti chiederà quando diventerà nonna. Poi diventa nonna e chiederà ai nipotini quando si fidanzeranno…

Puoi avere 20, 40, 60 anni, ma ogni volta che andrai ad una festa ti dirà: “Stai attento se ti mettono le droghe nel cocktail”.

Puoi lavare la biancheria 5 volte di seguito, ma non avrà mai il profumo di quella lavata da lei.

A tutte quelle che si preoccupano quando sentono l’ambulanza; a quelle figlie che oggi ridono ma che un giorno si preoccuperanno anche loro; a quelle che crescono i figli da sole; a quelle che crescono i figli in due; a quelle che non ci sono più; a quelli che provano a colmare il loro vuoto; a quelle che stirano, lavano, cuciono, cucinano, ordinano, corrono, risolvono, faticano, soffrono, amano… a tutte loro, a tutte voi, auguri.

Condividi

Comments

comments