In principio fu il bla bla bla.

8 marzo: ciò che eravamo, ciò che siamo

8 marzo: ciò che eravamo, ciò che siamo

Viviamo in un eterno presente in cui ognuno riscrive la storia a modo suo. Chi deride il femminismo; chi riduce la Giornata Internazionale della Donna a una semplice festa in cui ricordare quanto siamo belle e brave; chi crede di “proteggere la donna” portando avanti battaglie politiche contro l’omosessualità, l’aborto, l’utero in affitto, le quote rosa, insomma, provando a togliere diritti altrui in nome della mimosa. L’8 marzo non è questo. L’8 marzo serve a ricordarci ciò che eravamo e ciò che siamo.

L’8 marzo vuol ricordarci che prima non potevamo votare, oggi possiamo;  non potevamo indossare abiti diversi da quelle gonne ingombranti e dalle lunghezze morigerate, oggi possiamo; non potevamo rivestire ruoli importanti o svolgere certe professioni – dal medico all’avvocato, dal pilota al magistrato – oggi possiamo; non potevamo assistere e partecipare ai dibattiti politici, oggi possiamo; non potevamo istruirci come gli uomini, oggi possiamo;                 

8 marzo vuol ricordarci che prima eravamo soltanto fanciulle destinate ad essere mogli e madri. Oggi possiamo essere ciò che desideriamo.

E tutto questo grazie ai movimenti femministi, alle donne e agli uomini che hanno lottato. Oggi, più che mai, la storia va studiata e analizzata, non banalizzata e oscurata, perché c’è ancora tanto da fare.

Auguri a tutti noi, donne e uomini che hanno a cuore i diritti.

Virginia Avveduto  

POTETE SOSTENERE SE QUESTO È UN BLOG

utilizzando il pulsante delle DONAZIONI presente in pagina,

oppure effettuando i vostri acquisti su Amazon.it utilizzando 

questo link: https://amzn.to/2lWP1cg. GRAZIE.

________________________________________________________________________________

LEGGI ANCHE:

8 marzo: le donne di ieri, oggi, lotterebbero così

Tutto quello che detesto di voi che mi chiamate “buonista”

Noi migranti italiani facciamo così

Italiani che odiano le donne

 

Condividi

Comments

comments



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


error: Se vuoi condividere i contenuti usa i tasti di condivisione o scrivici a info@sequestoèunblog.it